lunedì 21 marzo 2011

Formaggelle di Ricotta




Tra ieri ed oggi un bel da fare in cucina :-)
Ieri una bellissima (e spero buonissima...visto che non l'ho assaggiata!!) Torta Coccinella che presto posterò e oggi una sfida....un dolce di casa, di tradizione nostrana, che per essere il primo esperimento posso definirlo Riuscito.
Casadinas, alias Formaggelle:

Per la pasta gli ingredienti sono:

500 gr di semola di grano duro
100 gr di strutto
2 cucchiaini di zucchero
acqua q.b.
Impastare per bene e lasciare riposare il tempo necessario a preparare l'impasto.


Per il ripieno:
500 gr di ricotta fresca
150 gr di zucchero
2 tuorli
100 gr di farina 00
2 cucchiaini di lievito per dolci
la buccia grattuggiata di un limone o arancia
P.s. chi mi conosce saprà che ho aggiunto ovviamente anche...???
Bravi, un pizzico di cannella! :-)


Sbattere la ricotta con lo zucchero,le uova e la buccia grattuggiata.

Poi piano piano aggiungere la farina ed il lievito....
l'impasto deve risultare omogeneo e abbastanza compatto ma non duro.

A questo punto iniziamo a stendere la pasta, io ho usato la formidabile macchinetta di mia cognata Franca che ringrazio, macchina elettrica bellissima....
Ripassare la pasta fino ad ottenere uno spessore di...meno di mezzo centimetro diciamo, io ho fatto cosi ma a dire la verità mi sarebbe piaciuta un pò più spessa.

Una volta pronta la sfoglia ricavare con un bicchiere tanti dischetti di pasta, al centro del quale disporremo 1 cucchiaino da thè abbondante di ricotta.


Dopodichè procediamo alla chiusura della formaggella.
Ognuno avrà un suo metodo...il mio probabilmente non sarà il più professionale ma mi è venuto spontaneo fare cosi:
Con il dito indice ho sollevato un lembo di pasta che ho spinto verso la ricotta mentre aiutandomi con il dito medio e il pollice ho pizzicato i due lembi della pasta cosi da chiuderli tra di loro.



Ed eccola pronta da infornare:

In forno per 20' a 180°...cosi mi han detto....ma non hanno specificato come doveva essere il forno.
Io ho usato il ventilato ma probabilmente era troppo forte, la seconda infornata l'ho fatta con il forno statico a 170° e sono vente più morbide.


Ed ecco la mia fatica giornaliera finita:





Sono molto, molto soddisfatta!
Prima di Pasqua sicuramente le rifarò....ma ho in mente una variante molto, mooooolto gustosa!
A presto!

Nessun commento: