giovedì 29 settembre 2011

La forma della sostanza


Oggi dovevo scrivere un messaggio,
un messaggio molto semplice,
mi serviva un favore .
Doveva o avrebbe dovuto essere un messaggio della serie:
"Ciao, non è che per favore....?"
Invece no!
Prima ho salutato per benino,
dopodichè ho fatto un preambolo (anche se piccolo),
poi sono arrivata al dunque con le mie dovute scuse per il disturbo.
Insomma venti minuti per scrivere un messaggio, un messaggio cosi banale.
Ed allora mi sono detta: Ma quanto caspita ci tieni alla forma?
Possibile che non riesci a scrivere un messaggio diretto, conciso, che vada dritto al sodo??
No!
E non mi piace farlo.
Però questa storia della forma risuonava in testa.
La forma?
Ci tengo alla forma?
Si, ci tengo si...
Dipende sempre di quale significato si da alla parola.
Tengo alla forma che sa di educazione, di tatto, di sensibilità;
Tengo alla forma che ostacola l'invadenza, l'indecenza e la maleducazione.
Sono per la forma che da un contegno, non sempre e non comunque
ma nelle situazioni in cui è GIUSTO che ci sia e dove
la parola GIUSTO non ha nulla di soggettivo.
Sono per la forma che non è apparenza, moralismo o falso per benismo.
Tengo alla forma che non è omertà o classismo,
che non ha puzze sotto il naso o atteggiamenti definiti da perpetrare.
Tengo alla forma dettata dall'amore per il prossimo, dal rispetto altrui
e dal rispetto per me stessa.
Sì è vero, ho scritto un messaggio da troppi caratteri per chiedere un banalissimo favore
ma sono fatta così, forse un pò contorta, anzi decisamente complessa,
ma va bene così, sì sì, va molto bene così.

6 commenti:

rò ha detto...

ciao manu....come stai?.....anche se non hai trovato miei commenti nei tuoi pensieri, sono sempre passata a leggerli!!!!Non ho scritto niente perchè non volevo "vedere" i miei pensieri scritti(forse per che scritti avrebbero dato maggiore consapevolezza della loro"tristezza")...............comunque...periodo un pò in ombra il mio...forse anche un pò voluto......con le giornate sempre protese a fare agli altri.........con la speranza che domani arriva il tuo momento!!!!!ma non arriva mai.................e non mi consola sentirmi dire che fare del bene fà bene!un cavolo!!!!il bene, ora lo esigo per me!!!!!!Non te lo da nessuno?allora inizio a minimarlo....e a concedermi solo quando e comeho voglia io...senza accontentare più nessuno...solo IO!.....così si che sto bene!!!!!un abbraccio....scrivo una poesia...scusami per l'enorme spazio occupato!!!!!baci rò.

"A lungo durerà il mio viaggio e lunga è la via da percorrere/Uscii sul mio carro ai primi albori del giorno,e prosegui il mio viaggio attraverso i deserti del mondo e lasciai la mia traccia su molte stelle e pianeti/Sono le vie più remote che portano più vicino a te stesso; è con lo studio più arduo che si ottiene la semplicità di una melodia/Il viandante deve bussare a molte porte straniere per arrivare alla sua,/e bisogna viaggiare per tutti i mondi esteriori per giungere infine al sacrario più segreto all'interno del cuore/I miei occhi vagarono lontano prima che li chiudessi dicendo:"Eccomi!" Il grido e la domanda:"Dove?" si sciolgono nelle lacrime di mille fiumi e inondano il mondo con la certezza:"Io sono!" " (R.Tagore)

Emanuela ha detto...

Ciao Rò..grazie del commento e soprattutto della profondissima poesia, mi è piaciuta davvero molto. Hai ragione sul pensare a un pò più a te dovremo farlo sempre più spesso senza darle il senso di una ripicca. E' la realtà delle cose che vuole che se pensi più a te stai meglio, non hai recriminazioni e dai più volentieri agli altri. Ti bacio.
P.S. ma hai finito con il comitato????

rò ha detto...

Si....grazie a Dio ho finito...anche lì..esperienza che vedevo un pò così, e invece è stata bellissima.....faticosissima....ma che ha riempito il mio cuore di serenità!!!!!Ora il dilemma se continuare o mollare......perchè all'inizio avevamo accettato pensando di fare solo un anno....invece...le cose non sono mai quello che sembrano!!!!Aspetto l 'illuminazione...Un bacio ad Anna e Fabietto! a presto rò.

Barbara ha detto...

Ci sono forme e forme, quelle fatte per piacere agli altri e quelle che fanno ben a noi stessi perchè regalano un sorriso a noi e a chi le riceve; queste vanno coltivate perchè con il tempo si vanno perdendo, siamo nell'epoca del tutto e subito e un messaggio troppo lungo è considerato tempo sprecato, io adoro i preamboli i per favore i come stai e tutte quelle gentilezze che allietano le giornate...un bacio Manu <3

Barbara ha detto...

Ci sono forme e forme, quelle fatte per piacere agli altri e quelle che fanno ben a noi stessi perchè regalano un sorriso a noi e a chi le riceve; queste vanno coltivate perchè con il tempo si vanno perdendo, siamo nell'epoca del tutto e subito e un messaggio troppo lungo è considerato tempo sprecato, io adoro i preamboli i per favore i come stai e tutte quelle gentilezze che allietano le giornate...un bacio Manu <3

Apropositodite ha detto...

hai ragione Barbara, perfettamente ragione! bacio