sabato 21 aprile 2012

La favoletta dell'Uccellino


















Ohhh finalmente l'ho trovata...
Questa storiellina la raccontava sempre mia mamma e oggi la dedico a TUTTE le  persone a cui voglio bene:

"Un piccolo uccellino stava volando verso sud per svernare,
ma il tempo era talmente rigido che l'uccellino congelato cadde a terra stremato.
Mentre era a terra sopraggiunse una mucca, che vedendo l'uccellino infreddolito alzò la coda ehhh plash.... Ricoprì l'uccellino con una margherita bella grossa.
 L'uccellino realizzo' quanto questa fosse calda, aveva finalmente un riparo dal freddo.
Quindi se ne stette al caldo e felice e iniziò a cantare per la gioia.
Ma un gatto che passava da quelle parti senti' l'uccellino cantare e seguendo il canto scopri' l'uccellino,allungò la zampa e lo tirò fuori e se lo mangiò in un solo boccone!!!
MORALE DELLA FAVOLA
1) Non è detto che chi ti ricopre di merda sia un tuo nemico
2) Non è detto che chi ti tira fuori dalla merda sia tuo amico
3) Ma quando sei nella merda fino al collo  almeno tieni  la bocca chiusa. "

 Il morale è compreso nella favoletta ma... voglio aggiungere una cosa.
La più grande soddisfazione nella vita  e lo dico per esperienza personale è scoprire e RICONOSCERE la PROPRIA MEDIOCRITA' e trasformarla con fatica in ORO, 
non nascondere la propria e mettere in evidenza quella degli altri.
Non ti da gioia né serenità...
al massimo ti fa avere un pò di compassione se è proprio quella che cerchi.
Non si è vittima di niente e di nessuno se non di noi stessi.

Nessun commento: