mercoledì 16 marzo 2011

Abbi Pietà di Noi!


Non si può rimanere indifferenti davanti a ciò che sta succedendo in Giappone, no proprio no.
Credo che vivere l'esperienza di uno tsunami e un terremoto di quella portata, vedere la terra aprirsi sotto i propri piedi e il mare volare sulla testa non sia minimamente immaginabile.
E' veramente troppo, troppo grande da sopportare che non può far altro che farti pensare che nonostante tutto non puoi averti meritato tanta crudeltà, tanto sconvolgente dolore.
Il mio pensiero va subito alle popolazioni delle Hawai, del Cile, al nostro Abruzzo, e a tutti quei paesi che recentemente sono stati colpiti da queste spaventose apocalissi e mi sento piccola piccola, impotente, distratta e triste.
Io ho un vago ricordo del terremoto di Napoli del 1980, ero là, mi trovavo a casa di una vicina per giocare con la figlia e la serratura si era bloccata, non si apriva la porta e mia madre bussava disperata e impaurita e avevo solo 5 anni. Non capivo la gravità, non capivo cosa stesse succedendo vedevo solo le bambole, i pupazzi cadere giù dalle mensole sul muro senza capire perchè. Una volta liberata da quella prigione siamo scesi in strada.
Per scendere abbiamo ovviamente usato le scale, una scala larga quasi tre metri ed è stato impressionante vederla oscillare cosi. Ci sbatteva violentemente da una parte all'altra.
Ho visto la paura intorno a me, la gente urlante che scappava da una parte all'altra, macerie, macerie, macerie.....e poi ricordo solo l'accampamento di fortuna organizzato vicino casa in un campo di papaveri dove per giorni dormimmo in tantissimi per la paura di essere colti dal terremoto durante la notte.
Quando il terremoto ti da una seconda possibilità forse hai anche la voglia e il coraggio di ricordare, ma un terremoto di quelle proporzioni....accompagnato da tsunami....dev'essere spaventoso, qualcosa che nell'immaginario ho sempre avuto come catastrofi straordinarie, leggendarie e utopiche ma che mai avrei pensato di vederle ripetersi cosi frequentemente in questi ultimi tempi.
Il mio pensiero, la mia luce è per voi.
Per tutti Voi.
E' il nulla lo so, cosi come il nulla è quello che vi resta.
Ma non posso altro di fronte alla paurosa furia della natura.
Abbi pietà di Noi.
E Così Sia.

Nessun commento: