martedì 19 luglio 2011

Comunicazione di Servizio

La mia educazione e l'estrema rigidità verso me stessa
mi impongono di non fare agli altri ( al 90% ci riesco ma altrimenti chiedo scusa)
ciò che non vorrei fosse fatto a me anche quando, invece,
vorrei lasciarmi andare a moti di passivismo cronico o irrefrenabile cinismo.

Lo studio introspettivo di me stessa mi hanno portato a CAPIRE (non farfugliare)
che le persone DEVONO ESSERE LIBERE di fare e pensare ciò che vogliono
senza che ciò provochi in me passionali frasi vittimistiche della serie:
" Pensavo fosse amore invece era un calesse".

Questa è maturità.

Non è maturità invece imporre agli altri i propri atteggiamenti approfittando della sensibile accortezza altrui.

Ora però, purtroppo, dopo essere stata cosi attenta e puntigliosa nello studio verso me stessa,
devo aggiungere che poco sopporto chi non lo fa o perlomeno chi non mi rispetta.

E chi non mi rispetta verrà silenziosamente allontanato.

Grazie.

Nessun commento: