sabato 26 febbraio 2011

Plumcake Mediterraneo

Ieri, girovagando per Foodblog come mio solito, resto incantata dalla simpatia di Sara e del suo blog, Cook and the City e trovo un test simpaticissimo : "DI CHE SEGNO GASTRONOMICO SEI?"
Faccio il test e risulto essere Piccante....La descrizione? Niente di più giusto!
Per poter partecipare al contest devo scegliere tra una ricetta agrodolce, una persistente e una umami e scelgo di farne una "Umami" perchè mi ricordo di aver visto in un altro blog, che mi ha subito conquistata, un Plumcake che va benissimo per questa occasione,vista la presenza essenziale del parmigiano , si tratta del blog di Marilena " A Tavola con Semplicità".
Io ho modificato un pò la ricetta secondo i miei gusti e la mia dispensa ma ne è venuto fuori un gran bel Plumcake Mediterraneo,profumatissimo (cosi come la mia cucina, che bello!!) e morbidoso.
Ecco gli ingredienti della mia versione:
-180 g farina
-1/2 bustina di lievito per torte salate
-2 uova
-2 pomodori tagliati a dadini salati e messi a scolare per dieci minuti
-125 gr di grana
-10 olive nere denocciolate
-6 cucchiai di latte
-6 cucchiai di olio di oliva
-1 cucchiaino di zucchero
-un cucchiaino di timo
-un cucchiaino di maggiorana
-1 cucchiaino di aglio e peperoncino in polvere
-sale e pepe
-burro e pangrattato per lo stampo

Ho messo tutti gli ingredienti nel Bimby tranne i pomodori e le olive e frullato a vel.6 per 30 sec.
Dopodichè ho aggiunto pomodori e olive e ho amalgamato il composto con l'antiorario per 10 secondi a vel 3.
Imburrato lo stampo da plumcake, (ho usato quel tipo di stampo più corto e largo anzichè quello lungo e stretto) l'ho spolverato con pangrattato e ho sistemato il composto livellandolo bene.
Infornato in forno già caldo ho cotto per 45' a 180° ma dipende dai forni in teoria dovrebbe volerci meno tempo. Per non sbagliare fate la prova stecchino dopo 30', se lo stecchino è asciutto è pronto altrimenti prolungate la cottura.
Ed ecco il mio plumcake:



Con questa ricetta partecipo a....
Contest Cinema - Cook and the City

Se non mi emoziono muoio.


Stanca,molto stanca.
Le giornate passano e da ormai più di un mese sono tutte uguali, con gli stessi ritmi e le stesse scansioni.
Quando è cosi c'è qualcosa che devo fare e che non sto facendo, c'è qualche pensiero deviato che impedisce il flusso lineare della mia energia positiva e finchè non agisco tutto rimane com'è, nulla cambia.
E allora agiamo.
Prima di tutto
ringrazio i miei figli che sono la luce costante nelle mie giornate buie ma soprattutto Anna, la mia piccola guida, che con la sua profonda, spontanea, fanciullesca e disarmante veridicità mi sa dire Sempre cosa devo fare, perchè mi legge nell'Anima come nessun altro sa fare.

In secondo luogo
volevo ringraziare la mia Mamma e il mio Papà che ci sono sempre e sanno come esserci, anche in silenzio, quando ne ho bisogno senza mai farmi pesare niente.

Di sicuro devo dire grazie anche al mio blog perchè mi sta dando tante soddisfazioni.
Mi sta facendo tirare fuori cose di me che avevo dimenticato, che avevo accantonato o addirittura che non sapevo di avere.

Mi sta regalando scorciatoie, cartelli direzionali preziosi e oasi ristoratrici per il corpo e per la mia Anima,sempre bisognosa di emozioni.

Sono una persona che vive di emozioni e non posso farne a meno altrimenti muoio come una pianta senza l'acqua. (L'ho detto? Sì, l'ho detto. Oh..se legge questa frase la mia Amica Nina non sarò più credibile!!!). Vivo di emozioni vere e non presunte, sulla pelle e non sulla carta.

Ma per fortuna l'Universo è ricca di canali emozionali e allora basta poco per tirarmi su e poco per farmi tornare la voglia di gioire, di scoprire o di vedere avanti,oltre,lontano.
Per questo dico Grazie anche all'Universo che mi è amico...
Quando piango e i miei figli vengono contemporaneamente a darmi i bacetti...
l'Universo mi è amico.
Quando sono destabiliazzata ed incerta e mi arriva la mail di una blogger da me amata ...l'Universo mi è amico.
Quando sono giù e inaspettatamente mia mamma viene a trovarmi e con una sola parola o una canzoncina cantata ai miei bimbi mi fa tornare il sorriso e la gioia nel cuore....
l'Universo mi è amico.
E se ascolto e recepisco i messaggi e agisco di conseguenza allora lì mi Ama proprio...:-)
e ricevo soddisfazioni immani e abbracci confortevoli.
Con questa consapevolezza e questo tesoro in mano e nel cuore chiudo il post,dando la buonanotte a tutti e augurando una notte magica e un week-end sereno a tutti.
E Così Sia!

P.S. Volevo ringraziare con il cuore la mia amica Carmen, con la quale stamattina ho avuto una conversazione esaltante! Grazie Teso.

venerdì 25 febbraio 2011

Girelle dolci di sfoglia

Qualche giorno fa ho preparato queste Girelle di Sfoglia...
Devo dire che mi hanno soddisfatta: semplici da fare e d'effetto anche come finale per una cena tra amici.

Gli ingredienti usati per questo dolcetto sono:
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare;
500 gr di crema pasticcera fatta con il bimby (ne è avanzata ma non è stato un problema consumarla);
uvetta q.b.
pinoli q..b.
150 gr di gocce di cioccolato;
frutta secca tritata,io ho usato 100 gr di mandorle spellate e 100 gr di nocciole;
zucchero e granella di nocciole per decorazione;
Il semplicissimo procedimento consiste nel srotolare la pasta sfoglia, che lascerete sulla sua stessa carta forno e ricoprirete con un velo di zucchero semolato.
Lasciar riposare qualche minuto, giusto il tempo di amalgamare la crema che avrete precedentemente preparato con l'uvetta, i pinoli, la frutta secca tritata e le gocce di cioccolato.
Con una spatola stendete il composto sulla pasta sfoglia, uniformemente ma lasciando un cm dai bordi.
Dopodichè formate un rotolo aiutandovi con la carta forno che avrete lasciato sotto la sfoglia e mettetelo qualche minuto in frigo.
A questo punto con un coltello bene affilato tagliate delle fette spesse 2,5 cm e poggiatele su di una teglia imburrata, ricoprendole con un pò di zucchero, un cucchiaino circa.
Infornatele in forno preriscaldato a 200° e cuocete per 15/20 minuti a 180° dipende dal forno, vedete voi.
Una volta raffreddate io le ho decorate cosi...


Che ve ne pare??
Se le provate fatemi sapere.
Alla prossima!

Con lo stesso ripieno ho preparato anche questa crostata che ho regalato a mio Zio per il rientro dall'ospedale!

martedì 22 febbraio 2011

Osa e Vinci!!


E' proprio vero che chi segue le proprie passioni non muore mai,
qualunque esse siano.
E dovrei anche mettermi bene in testa che non è necessario che
queste passioni siano qualcosa di straordinariamente complicato o sofisticato.
Basta che ti facciano sorridere.
Basta che ti rilassino.
Basta rendersi conto se in quel determianto momento tu sei veramente in sintonia,con Te, con il mondo.
In equilibrio.
Oggi mio marito mi ha detto:
"L'Equilibrio è come l'Arcobaleno: una sintonia perfetta di Colori".
Ma che bello!
Ma quanto è vero!
Trovare questo equilibrio mi riesce difficile a volte, soprattutto
per la mia Intrinseca ( e dico Intrinseca...molto intrinseca)
tendenza all'estremo perfezionismo, che devo al mio segno zodiacale,
il mio eccessivo bacchettare (me stessa ) che puntualmente sfocia (e io so perchè)
in una snervante e irresponsabile superficialità, ciò che poi
arriva agli altri, ma purtroppo non posso o non riesco a
colmare i vuoti dai quali dipende tutto ciò e potrei al massimo riuscire
a raddrizzare il tiro, tentativo peraltro fin'ora fallito!
Ma tornando alle passioni, quelle che ti fanno star bene, sorridere,divertirti,
non devono necessariamente essere rocambolesche avventure o
sublimi desideri irrealizzabili.
Se io riesco a trarre ciò da determinate cose è una gran fortuna
e perchè non dovrebbe bastarmi?
Ricordati, Cara la mia Manu, che non è un accontentarsi questo,
è un godere di ciò che si ha fintanto che la tua strada
sia ancora lunga e dritta davanti a te.
Non s'intravede la curva perchè non è giunta l'ora.
E ricordati anche che per quello che tu hai in mente l'età non è giusta...sei GIOVANE!!
Quindi rilassati pure,gioisci,apprezza e benedici ciò che sei, Ora.
Ciò che fai,ora.
Ciò che vuoi, Ora.
Il contrario di ciò per te è vacuo e vano. Difendilo!
Non sei ancora "...nel mezzo del cammin di nostra vita" e ti trovi già "...in una selva oscura..." senza peraltro che "...la diritta via sia smarrita".
Più fortunata di Dante quindi ... :-)
Alza gli occhi, guardati e se ciò che vedi ti piace non aver paura.
Ridi e sorridi perchè godere non è una colpa nè una fortuna,è un merito!
E per farlo ci vuole anche e soprattutto un pò di coraggio, che a te manca.
Quindi..Osa!
E Così Sia.

venerdì 18 febbraio 2011

Mi sto riprendendo...


Quasi una settimana che non scrivo un post,ma mi sentivo proprio svuotata.
Questa influenza ha deciso di non abbandonarmi, il mio morbido corpo evidentemente
è molto confortante e albergheggia allegramente! Uff.
Non sono stati quindi giorni facili, soprattutto se pensate che lei, la perfida, trionfa su me in concomitanza con il mio amico sig. Rossi, che oltretutto,
(benedetto sia, eh!!), mi rende odiosa,isterica,apatica e pigra, pensierosa e vuota, pungente e debole.
Insomma...
Ora va molto meglio, ritrovo la luce nei miei pensieri e rido del buio.
Torno ad amare e a godermi quello che di più bello ho, la mia gran bella e amata famiglia.
Buonanotte a tutti.
E Così Sia!

domenica 13 febbraio 2011

Dai,dai,dai!!


Una bella Domenica...una bella giornata di sole da trascorrere magari all'aperto ma credo che anche oggi resteremo a casa.
Inutile far finta che mi dispiaccia assai perchè cosi non è, ma avrei anche potuto fare uno sforzo se Anna non avesse una brutta tosse.
Comunque troverò qualcosa da fare....di extra-casalingo intendo...oggi relax assoluto :P
Mi sento bene, una buona energia, discreta forza.
Fisicamente non proprio, sta per arrivare il momento in cui dovrò rinunciare alle mie golosità e permettere al fisico di riprendersi da questi anni complicati, smaltire un pò il tutto ma so che ce la farò,non è un problema, più che altro è che non ne ho molta voglia..come al solito!
Stanotte non ho dormito benissimo e in quel pò in cui ho chiuso occhio ho fatto sogni irrequieti anche se soliti,
ma ricordo che prima di addormentarmi stavo per catapultarmi in qualche posto di molto lontano,un cielo di energia blu mi rilassava e mi caricava allo stesso tempo.
Ho pensato a tante cose in quel momento ma soprattutto ad una persona che mi sta a cuore, il Sig.Fabrizio e la sua famiglia che sta vivendo un brutto momento da qualche anno.
Mi capita spesso di pensare a loro e so che questo vuol dire qualcosa.
Sono sicura che otterremo qualche risultato,io ci credo.
Spero non demordano.
Anche se provo a capire la loro stanchezza e demoralizzazione.
Forza,sono con VOI.

Ora vado a riposarmi un pò..tanto non credo di riuscire a combinare nulla cosi,sembro uno zombie,ho bisogno di riposo e di caricare le batterie.
Proverò ad immergermi nel mio cielo/mare energetico e caricarmi per una serata vispa.
Un bacio a tutti e Buona Domenica.
E Così Sia!

mercoledì 9 febbraio 2011

Lasagne peperoni e salmone...slurpppp

L'altro giorno sono entrata in edicola ed ho trovato il numero di una rivista per cucina che non avevo mai visto prima, si tratta più che altro della riedizione dei migliori numeri e tratta di pizza e pasta....non per niente oggi mi son cimentata sia nell'uno che nell'altra anche se in effetti la ricetta della pizza è da attribuire ad una cookina :-)
Comunque, sfoglia che ti sfoglia resto ammaliata da questa ricettina LASAGNE AL SALMONE,PEPERONI E RUCOLA...e mi dico...SI, E' LA VOLTA BUONA...e per di più sembro avere in casa tutti gli ingredienti,poi invece non era cosi ma mi son ben districata :-)
Gli Ingredienti richiesti sono:
  • 500 gr di lasagne (?..boh,io ne ho usato la meta...forse!)
  • 1/2 litro di besciamelle (io ne ho usato decisamente di più )
  • 200 gr di salmone affumicato (io l'ho messo normale)
  • 1 peperone verde
  • 1 peperone giallo
  • 1 peperone rosso (io ne ho usati 2 gialli e basta)
  • 1 mazzetto di rucola
  • olio
  • sale
  • pepe nero macinato
  • (io ho aggiunto anche una zucchina rosolata a fuoco vivo nella cipolla)
La dose delle lasagne mi ha lasciata un pò perplessa...io ho usato una teglia rettangolare, non so bene il diametro ma per 6 persone e sembrava non molto più piccola di quella della foto della ricetta ma devo dire che alla fine io ho preso spunto da essa per l'abbinamento del salmone con il peperone per il resto ho fatto a modo mio.
Ho rosolato a fuoco vivo la zucchina e i peperoni con la cipolla e poi ho aggiunto anche una spolverata di aglio e peperoncino.

Dopodichè ho rosolato con l'aglio il salmone spezzettato ,(100 gr...e siccome mi sembravano pochini in effetti ne ho aggiunti altri cento mischiati ad un pò di besciamella e versata alla fine del "montaggio " della lasagna),

unisco agli altri ingredienti


e poi verso la besciamella preparata nel frattempo con il santo Bimby!!!


Ho lessato le lasagne, credo di averne usato una decina o poco più...anche perchè non mi piace molto spessa e ho usato abbondante besciamella.Per farvi capire la larghezza della teglia vi dico che ogni strato ha 2 fette e qualche ritaglio nei bordi. Ho fatto 4 strati.

Ho messo in forno per 20' a 200°.

Ed ecco la fetta:



RIcetta promossa a tutti gli effetti.
Deliziosa....se vi garbano gli ingredienti singolarmente presi...provatela, si sposano benissimo tra loro.
La ricetta prevedeva una sbriciolata di rucola a fine cottura per profumare...io non l'avevo ma secondo me ci sta benissimo ;-)

Indietro no!

Oggi è una bellissima giornata sia fuori che dentro.
Sono rilassata e sorridente e tutta va come deve e come voglio che vada.
Si è vero...quando mi faccio meno costruzioni in testa sto meglio
ma quando ciò accade è perchè riesco a dominare il pensiero
non perchè io NON PENSI!
Dominare il pensiero sembrerebbe una cosa facile ma non lo è per niente.
Fermare quel flusso che scorre incessantemente nel tuo cervellino e
metterlo in riga dicendo: "Ehi bello, qui comando io",
non è una cosetta da poco, anche se diventa subito alla portata di tutti
con un pò di allenamento.
Ma torniamo sempre lì: l'allenamento richiede tempo, dedizione e
concentrazione oltre che fede ovviamente, nel suo significato laico.
E tutto ciò è l'essenza della Magia, quella vera, non quella a cui ci hanno abituato metaforicamente le favole.
Ma noi con quella siamo cresciuti e fare magie (o fare miracoli per i credenti)
vuol dire ottenere tutto con lo schioccar delle dita.
Può darsi che diventi anche così dopo....ma dopo....molto dopo... forse!
Nel frattempo è necessario un allenamento costante, un esercizio metodico
e una fede stabile ed incrollabile per quello che si fa.
Io lo dico perchè lo so, so cosa significa ed è per questo che mi arrabbio
e sono cosi severa con me stessa.
Io non posso fare cosi,avere questi cedimenti dopo tutto ciò a cui
ho assistito nella mia vita.
Ma confido nella mia rinascita prima o poi, quella vera,
quella che seppur non mi faccia arrivare fino in fondo,
perlomeno non mi faccia tornare indietro come un gambero.
In questa giornata cosi bella per me, confido solo in questo.
E Così Sia.

martedì 8 febbraio 2011

Confusione :/


In teoria avrei voglia di fare tante cose ma come sempre non farò nulla.
Ieri pensavo a come spaventa la morte, a come si ha tanta paura di morire.
Io devo dire la verità , se non fosse per le complicazioni terrene, lasciare i figli soprattutto (che spaventoso egocentrismo) e la paura di provare dolore fisico, per il resto non temo la morte, almeno la mia.
(mentre Temo invece di più quella dei miei cari, perchè ammetto che, avendolo provato, è difficile trovare la forza di reagire in questi momenti ed è ancor più difficile trovare quella strada, l'unica, in grado di sorreggerti. )
Ma devo dire che mi spaventa molto la morte interiore, quello spegnersi piano piano
dentro,perdendo il gusto del vivere e la bellezza di questo grande gioco che è la vita.
Mi fa paura l'annientarsi delle passioni, la rinuncia alla gioia delle piccole cose,il dover vivere in grande per non sentirsi piccola.
Mi rendo conto però che quando sono sola con me stessa...nel senso che sono in armonia con me e il mio spirito,io riesco a fare tutto ciò.
Riesco a godere di tutto ciò che mi piace, che mi diverte, che mi fa provare una sensazione di benessere. Piccole cose o grandi
E' il rapporto poi con l'esterno che mi sveglia...la vicinanza con persone che non sono altrettanto sensibili.
E dicendo questo non intendo disprezzare queste persone o incolpare loro delle conseguenze che si ripercuotono su me.
Lo dico per sottolineare la forza che secondo me ha un'energia di flusso contrario alla mia.
Ho anche imparato a gestirle abbastanza ma vuoi mettere un'oasi felice di energie e fluidi positivi dati da un ambiente costruito intorno a persone che vivono la vita con le stesse idee e stessi ideali, stessi obiettivi e stessi sogni??
E io sogno..... e continuo a sognare.
Farlo mi ha fatto sempreportato ad ottenere quello che volevo.
Non tutto in effetti ma in fondo non tutto dipende da me!
Quindi..

Ahhhhhhh...oggi sola a casa con Fabietto, bimba a scuola,maritino a lavoro.
Dopo i lavori necessari mi godo la giornata come piace a me ...Spadellato in cucina.......letto un pò...altrimenti questo libro non lo finisco più......e goduto il mio relax.
In teoria avrei voluto fare tante cose ma in fondo non è vero che non ho fatto nulla.
Forse è vero che ho fatto quel che piace a me e non quello che pensavo avessi dovuto fare per sentirmi veramente libera .
Io non devo sentirmi libera perchè io lo sono.
E Così Sia.
Mamma mia ....che post incasinato,no??? :-)

domenica 6 febbraio 2011

Da me amatissimi....i Pancakes!!



Ve lo avevo detto che quando inizia la mia vena culinaria prende il sopravvento su tutto!!!
E' una settimana che mi frullano in testa i Pancakes....quella sorta di frittella dolce americana che mia figlia asserisce essere il pasto preferito di Cappuccetto Rosso!
Alla fine stamattina, nonostante mi sia alzata tardi perchè la famigliola riunita giocava a nascondino sul lettone....e nonostante quindi non fosse proprio l'ora adatta per la colazione, mi ci sono cimentata lo stesso, tanto avrei fatto in fretta perchè era già stabilito che avrei usato il Bimby, nonostante la ricetta manuale sia decisamente molto snella nel procedimento ed altrettanto veloce.
Prendendo spunto quindi dal passo-passo di Vittorio Viarengo io e la mia bambina ci siamo preparate per la cottura di queste delizie. (eh si...almeno per quella ci dovevamo adoperare).
Riporto la ricetta per comodità ma ritengo che il video sia esaustivo ed efficace,comunque:
14o gr di farina/vanno bene anche 160 gr
250 ml di latte
50 ml di olio vegetale
1 uovo
4 cucchiai di zucchero
2 cucch.ini e 1/2 di lievito per dolci.
La cottura come vedete nel video avviene o su di una piastra o su di una padella antiaderente abbastanza ampia e ben calda.
Devo dire che mi sono divertita un sacco a farli, sarà che mi piacciono davvero tanto e non solo per il sapore!! Si non so...forse mia figlia non sbaglia...mi ricorda le frittelle dolci delle favole o anche il sogno americano in me molto spiccato!!!
Ecco a voi i miei amati e sospirati Pancakes..
Niente sciroppo d'acero però..... :-( ma Nutellaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa


sabato 5 febbraio 2011

Voglia di Dolce!

Ieri dopo aver visto questo dessert alla ricotta sul blog di dolc&amara mi è venuta voglia di farlo e assaggiarlo, poi avendo anche abbondante provvista di arance ho voluto provare il budino agli agrumi di babymamma trovato su Cookaround ed allora li ho fatti tutti e due.
Risultato: estrema indecisione.
Il budino agli agrumi è risultato essere molto interessante, colore arancio lucido bellissimo, sapore agrumoso intenso ma troppo dolce, la prossima volta metterò molto meno zucchero.Ma da solo...non so...mi ha stancato un pò.
Il dessert alla ricotta...decorato con cacao e pinoli

buono ma non mi ha conquistata pienamente . O meglio, sentivo che cosi questo dolce non veniva valorizzato.
Da qui l'idea dell'unione dei due dessert,
Bicchierino (...ino...altrimenti diventa pesantuccio) con crema alla ricotta e topping agrumoso


Wowwwwwwww, così è ottimo, veramente particolare.

Facile da fare è un dessert ad hoc per una cena improvvisata.
Ciao e buon dessert a tutti.

venerdì 4 febbraio 2011

Che Pretese!



Dovrebbe essere cosi facile, cosi naturale essere un alchmista ed invece è la natura più ostica da interpretare.
Quello che più mi da noia è il fatto che io credo fortemente sia cosi...nel senso...io sento dentro questa natura, questa essenza dell'uomo, ma non riesco a scrollarmi di dosso la sola natura umana e a vivere contemporaneamente tutti gli stati dell'essere che so esistono in noi.
E' dovuto a tante cose.
La paura di osare, la mancanza di coraggio,il sentirsi in balia di emozioni e sentimenti da non trovare il bando della matassa.
Però quello che veramente mi stanca e mi svuota è il contorno.
Basta la mia mediocrità, vorrei non vedere e sentire addosso quella degli altri.
Basta la mia cecità a farmi sentire vuota e non vorrei subire quella degli altri.
Basta la mia superficialità a stringermi il cuore per l'amarezza vorrei non veder posta in essere quella degli altri.
Che pretese, eh?
Già...quando non si arriva all'uva si dice che è acerba e quando ci si sente piccoli si deve dare la colpa agli altri perchè mal comune mezzo gaudio, come si dice.
Si forse è un pò cosi....però è anche vero che quando si sente dentro questa forza PREPOTENTE di cambiare se stessi, di smettere di sentirsi SNATURATI, hai necessità di cambiare vicini, di cambiare compagni di viaggio, di non essere influenzata, schiacciata, demotivata.
Ma anche qui, cara la mia MANU, è questione di scelte, è questione di coraggio.
Chiedi e ti sarà dato.
Osa.
E Così Sia.
Buona giornata.
P.S. Benvenuto al piccolo Marco.

giovedì 3 febbraio 2011

Frittatine profumate ai pinoli



Ieri avevo voglia di preparare patate per cena ed allora mi sono ricordata del mio fantastico numero di "Cucina Moderna, Serie Oro" intitolato il TRIONFO DELLE PATATE ricco di ricette sfiziose,gustose e molto,molto invitanti.
Alla fine ho deciso di fare queste "frittatine profumate ai pinoli", rischiando un pò perchè ricche di spezie e in famiglia, a parte me, non vanno pazzi per gli odori.
Comunque non ho desistito e ho proceduto alla preparazione.
Ingredienti dalla ricetta originale:
300 gr di patate
6 uova
mezzo cucchiaino di timo
2 cucchiai di prezzemolo
un cucchiaio di menta fresca
un cipollotto
3 cucchiai di pinoli
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
sale e pepe.
Io in realtà ho messo più patate...questo ha reso più difficoltoso sformare le frittatine perchè le patate si attaccavano al fondo della padella però volevo ottenere quel sapore patatoso ( concedetemi la licenza poetica) che mi ricorda tanto le frittatine che mi preparava mia nonna.
Comunque il procedimento è molto semplice.
Mettete a bollire le patate in abbondante acqua salata e
lasciatele cuocere per 30/45 minuti (dipende dalla grandezza e dalla qualità delle patate)
dalla ripresa del bollore dell'acqua.
Una volta scolate, sbucciatele e passatele allo schiacciapatate,
mettete il composto ottenuto in una ciotola.
Ricordate di metterci il sale se non lo avete fatto
nell'acqua di cottura delle patate.
Aggiungete tutti gli altri ingredienti, tranne i pinoli,
(io ho messo anche il trito di 7 fette di fontina che mi avanzavano .....
della serie non si butta niente) e amalgamate il tutto.
Intanto in una padellina scaldate l'olio e ripassate i pinoli
finchè saranno belli dorati dopodichè toglieteli
adagiandoli su carta assorbente e poi uniteli al composto.
Nella padellina dove avete fritto i pinoli versate il composto,
per la quantità scegliete voi a vostro piacere,
o per fare una frittata grande o piccole frittatine.
Io ho fatto queste
servite con pinoli e scorza d'arancia profumatissima e queste
servite con timballino di bieta ripassata in padella con aglio, mooooolto peperoncino e cuore di pancetta e salsiccia.
Sapore....ottimo!
Il timo gli da un tocco particolare quindi per chi non ama particolarmente i gusti nuovi o intensi si può facilmente omettere o sostituire con del rosmarino.
Spero vi piacciano.....buon appetito!

martedì 1 febbraio 2011

Scende la pioggia


Mi piacciono in genere le giornate cosi....se solo non dovessi uscire! Uff!
Per una come me che non ama molto uscire di casa la pioggia non è poi cosi antipatica e guardarla dalla finestra stando al calduccio è bellissimo!
Poi penso che Mario deve andare a lavoro stanotte e mi innervosisco al pensiero che non smetta.
Ora sto ascoltando della musica, leggera, nazional popolare direi ...e sono molto rilassata.
Mi dedicherei volentieri al mio "lavoro in corso" ma non so perchè i bambini mi si attaccano come zucchero caramellato ogni qual volta ci provi;
Attendo con ansia il loro ritorno a scuola ;-)
Stanotte ho dormito bene,dolce notte, ma il risveglio è stato a suon di urla del mio piccolo che dalla cameretta diceva: "Mamma veni quì" mentre Anna continuava a dormire come se niente fosse!
Ora dopo aver capito che posso far ben poco in casa visto che è sovraffollata....mi è venuta voglia di pasticciare ancora.
Questa volta vorrei andare sul dolce..vediamo!
Vado alla ricerca di qualche ricettina sul web e poi provo a mettermi all'opera!
baci ....a dopo"!